VFC MP7 A1 GBB

MP7A1

L’MP7 è una SMG (Sub-Machine gun) prodotta dalla tedesca Heckler & Koch, è stata progettata attorno a una particolare munizione (l’ HK 4,6 x 30 mm) per partecipare a un concorso indetto dalla NATO che intendeva dotarsi di una nuova arma classe PDW (personal defense weapon) con una maggiore capacità terminale e di penetrazione delle nuove protezioni balistiche che via via stavano proliferando (parliamo di inizio anni 90′).

4.6x30mm,_5.7x28mm,_.30_M1_Carbine

Da sx a dx : 4,6 x 30 mm (mp7) 5,7 x 28mm (P90) .30 (M1 carbine)

La munizione messa a punto dalla Heckler & Koch è caratterizzata da un bossolo a collo di bottiglia con un ogiva in rame placcata in acciaio solido, le dimensioni e il peso contenuto della cartuccia si riflettono in una maggiore velocità del proiettile e quindi in una maggiore capacità di penetrazione (ha una velocità iniziale di quasi 720 m\s quasi la stessa di un 223. Remington) e la diminuzione del rinculo generato nell’arma. Un altro vantaggio non indifferente è che grazie al ridotto diametro della munizione è stato possibile realizzare dei caricatori con elevata capacità di carico ma di dimensioni contenute ( i mag da 20 e 40 colpi prodotti da H&K sono equiparabili come dimensione ai normali caricatori per pistola da 15 e 30 colpi).

DSC_0042

L’MP7 utilizza lo short stroke piston gas system (cosi come l’HK 416 o il G36) al posto del tradizionale sistema di recupero gas impiegato sulle altre SMG, è dotata di comandi ambi-destri, calciatura regolabile e grip frontale integrata. Grazie alle sue ridotte dimensioni ,al peso contenuto (tutto il corpo dell’arma è realizzato in polimero) e al rinculo ridotto è possibile sparare sia usando una mano (come fosse una pistola) che impiegarla per un tiro più meditato utilizzando 2 mani con calciatura e grip estese sfruttando i quasi 200 metri di tiro utile.

heckcl6

Le buone qualità che questa piattaforma d’arma ha saputo esprimere ne hanno garantito una discreta diffusione presso molti reparti militari e di polizia di tutto il mondo : DevGru , GSG 9, KSK, GIGN , MJK, Japan SFG ecc.

1357848246

Nell’airsoft l’MP7 è stato per lungo tempo snobbato (se si esclude la versione AEG realizzata da Marui sul finire degli anni 90′), solamente negli ultimi anni (complice anche il fatto che l’arma ha cominciato a vedersi nei teatri operativi nelle mani delle special force statunitensi) si è generato un forte interesse nei confronti dell’smg tedesca e cosi come da prassi hanno cominciato a fioccare le repliche sia in formato AEG (Umarex & Well) che sopratutto GBB (KSC, WE, Marui , VFC). Tralasciando le versioni elettriche da sempre afflitte da prestazioni di basso livello e problemi meccanici generati dalla scarsa qualità dei componenti con cui sono realizzate le versioni Gas Blow Back dell’MP7 sono quelle su cui occorre puntare se si desidera possedere una replica soddisfacente  sia sul lato estetico sia su quello funzionale.

0011

Oggi andremo ad esaminare nel dettaglio l’ultima incarnazione di questa smg uscita sul mercato : l’MP7 A1 VFC Gas Blow Back.

Z51

Vega Force Company propone due diversi modelli : MP7 A1 e l’ MP7 A1 Navy. La differenza nei 2 modelli è da ricercare nella diversa dotazione di accessori, la versione Navy infatti si differenzia per l’adozione di 3 slitte Picatinny sul frontale in sostituzione della normale grip anteriore del modello A1 mentre tutto il resto è identico.

MP7A1_NAVY

La confezione è elegante e minimale, al suo interno troviamo la replica, un caricatore da 40 bb e le istruzioni. Non che si chieda chissà cosa ma almeno inserire un BB loader sarebbe stata cosa gradita visto che è un accessorio utile, dal costo basso e ormai presente nella quasi totalità delle repliche GBB (low cost compresi).

Z15

Z16

Estratto dalla scatola l’MP7 si presenta il tutto il suo splendore, come da tradizioneVFC se parliamo di estetica non delude mai le aspettative e si riconferma una delle migliori realtà del settore. La replica è interamente realizzata in polimero, il peso è di circa 1,7 kg (circa 200 g in meno della versione Real Steel che invece pesa 1,9 kg).

Z19

L’MP7 è dotato di tutti i comandi ambi-destri (selettore di fuoco\ sgancio caricatore\ Hold-open) è quindi in grado di adattarsi alle diverse esigenze e abitudini del tiratore. Stesso discorso anche per gli attacchi per le cinghie tattiche ricavati direttamente sul corpo dell’arma sono presenti su entrambi i lati della replica.

Z43

Z42

Come su altre repliche VFC il livello di dettaglio è molto alto e ritroviamo loghi e sigle esattamente cosi come sulla controparte originale.

Z24

Z23

Z22

La replica è dotata di 2 tacche di mira BUIS in metallo.

Z31

Z29

Nella versione A1 sulla parte frontale dell’arma è presente una grip pieghevole , appena sopra di essa si notano i filetti ricavati nella carcassa dell’arma su cui è possibile montare delle rotaie Picatinny da 20mm su cui installare tactical flashlight , LAM , ecc.

Z33

Z34

La lunghezza dell’ MP7 varia da 415 mm (calcio chiuso) a 638 mm (calcio completamente aperto). La calciatura estraibile è settabile su 3 posizioni, il comando per la sua regolazione si trova sulla parte destra dell’arma appena sotto all’asta di armamento.

Z26

Z57

Z51

Il flash-hider è in metallo ed è predisposto per lavorare in sinergia con il suo silenziatore dedicato a sgancio rapido (non ho avuto modo di provare la compatibilità tra lo spegnifiamma VFC e i vari silenziatori aftermarket per MP7 in commercio tipo Angry Gun, FMA e compagnia).

Z35

Sopra la spegnifiamma troviamo un piccolo cilindro in plastica attraverso la cui rotazione (orario\anti-orario) si effettua la regolazione del sistema Hop Up.

Z41

Il caricatore è un bi-filare con capacità di 40 bb, presumo come da tradizione VFC a doppia camera di espansione.

Z50

Z47

FIELD-STRIP

pdwstripped mp7-bolt-original01

MP7 H&K field-strip e gruppo otturatore H&K

Il field-strip della replica ricalca come da prassi VFC quello dell’arma vera a cui si ispira: basta togliere i due pin presenti sulla calciatura e successivamente estrarre il blocco che comprende otturatore e calciatura.

Z1

Z2

VFC ha riprodotto perfettamente (cosi come su altre sue repliche) il gruppo otturatore della Heckler & Koch.

Z3

Particolare del carrier (realizzato in zama).

Z7

Z10

Z9

Il nozzle è in plastica.

Z12

Z5

Z6

La canna è in ottone ed è lunga 168 mm con svaso alla volata, il gommino hop up è il solito VFC di discreta qualità fa bene il suo lavoro ma indubbiamente ci sono alternative aftermarket in grado di esaltarne maggiormente le qualità balistiche della replica.

Z14

TEST

  • Gas utilizzato: WE green gas.
  • Pallini Guarder 0,28 g.
  • Temperatura : 14 c°
  • Potenza : 375 fps (1,31 Joule)

L’MP7 VFC è un eccellente smg GBB, personalmente tra Marui e KSC è quella che mi ha lasciato l’ impressione più positiva nel complesso, Marui si è dimostrata più precisa nella balistica ma con uno scatto più “pastoso” e una risposta dell’arma durante il fuoco meno deciso. KSC invece resta quella meno performante delle 3 oltre ad essere afflitta da problemi meccanici di varia natura ( parlo della prima generazione, la seconda non ho avuto modo di provarla in maniera tale da esprimere un giudizio).

Lo scatto nell’MP7 VFC lavora bene, i piani agganciano in maniera pulita e lo scatto risulta essere netto e deciso. Il rateo di fuoco è veramente impressionante (come del resto la sua controparte reale), probabilmente il più alto mai provato su una Gas Blow Back insieme al Kac PDW Ra-tech.. Il selettore di fuoco è un pò duro, ma probabilmente con l’uso migliorerà un filo in fluidità, mentre l’asta d’armamento è quella che mi ha convinto di meno essendo realizzata in plastica.

Il livello di precisione è soddisfacente considerando che stiamo usando una canna molto corta (a differenza delle AEG nelle GBB la lunghezza della canna infatti riveste un ruolo fondamentale sia per quel che concerne la potenza che la precisione), sulla linea dei 25 metri le rosate in full-auto erano racchiuse in una media di 15\20 centimetri, in semi-auto un tiratore discreto riesce a chiudere buone rosate superiori ad esempio a quelle ottenibili con un M4 VFC elettrico uscito da scatola (per fare un esempio di prodotto che occupa la stessa fascia di prezzo di mercato).

Come al solito la parte più debole del pacchetto è rappresentata dal caricatore VFC, che come i suoi parenti per M4 e MP5 soffre di fenomeni di cool down se utilizzato a certe temperature con una certa aggressività nel fuoco. Rispetto a quelli per la serie M4\HK il caricatore per MP7 lavora un filo meglio alle basse temperature, niente di epocale sia chiaro ma sempre presupponendo di stare usando un buon gas (e a oggi personalmente dopo aver provato almeno una decina di marche e forse più, di buoni gas ne ho trovati 3 il resto andava dal pessimo alla peggio merda).

  • temperatura ottimale di utilizzo: 14°c in su

Cicli di fuoco aggressivi : svuotare un mag da 40 colpi in successione alternando veloci tiri semi-auto e brevi raffiche da 5 colpi.

  • da 14° a 10°

Si riesce a compiere lo stesso ciclo di fuoco, ma in full auto si percepisce il rateo di fuoco che cala ma che comunque si riesce a portare a termine.

  • da 10° a 5°

Si lavora in discretamente in semi-auto, full-auto quasi immediato man mano che scendiamo che le temperature.

Sulla serie M4\HK qual’ora un possessore di VFC avesse frequenti problemi di cool down la soluzione più semplice era acquistare dei caricatori Pro Win o GHK più efficienti sotto quel punto di vista, mentre al momento non esistono mag aftermarket compatibili con l’MP7 VFC. Ma questo è un problema che tocca solo coloro i quali vogliano usare le GBB anche nella stagione fredda sopratutto al nord.

Se vi piace questa smg l’MP7 VFC è senz’altro una delle scelte da prendere in considerazione qual’ora vogliate farne una vostra (l’alternativa è  l’MP7 Marui) il resto non pervenuto a meno che non vi serva solo come soprammobile ma anche in quel caso prendete una GBB che fate miglior figura.

PRO

  • Replica curata nei dettagli.
  • Ciclo di fuoco nervoso e divertente.
  • Ottima ergonomia e portabilità.
  • Regolazione Hop up facile e immediata.
  • Ricambi economici e facili da reperire (cosa che non si può dire del Marui).

CONTRO

  • Leva di armamento in plastica.
  • Selettore di tiro un pò duro.
  • Caricatore sensibile a fenomeni di cool down a basse temperature.

http://emperionstore.com/hk-mp7a1-vfc-en-it.html

 

9 comments

  1. Micheal Costa

    Bella recensione… una domanda che gas consiglieresti quindi per alimentarlo al meglio ?… io al momento uso DIABLO e NUPROL VERDE e non mi trovo male.

  2. riccardo buffardeci

    ciao, volevo chiedere se per caso la VFC e la UMAREX per l’mp7 sono la stessa cosa, perchè ho letto che è fatto in collaborazione tra queste due (probabilmente perchè la licenza per H&K è della Umarex) ma non ho trovato nulla di più dettagliato, grazie!

  3. Alessandro

    So che il post è vecchissimo ma ci provo visto che ho gran fiducia in quello che dici. Tra i gas sopra citati mi faresti una classifica di preferenza?
    Grazie.

  4. Alessandro

    Salve volevo sapere se è possibile cambiare l outer barrel nel mio mp7 della h&k xke si è rotta la filettatura dove si avvita lo spegni fiamma

Post a comment

You may use the following HTML:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>