Tagged: bcm gunfighter

VFC BCM MCMR 11,5″ AEG

253104219_10216973503810331_4219281266446986889_n

Nonostante i ritardi è finalmente arrivato anche in Europa una delle repliche che i fan delle piattaforme AR15 in chiave moderna attendevano con trepidazione : il VFC BCM MCMR in versione AEG (la versione GBBR è attesa per la metà del mese di novembre).

BMC

Realizzato con licenza ufficiale  Bravo Company Mfg l’ultima fatica di VFC punta ad alzare ulteriormente il livello qualitativo delle ASG prodotte dall’azienda taiwanese che ancora una volta si è assicurata un esclusiva di rilievo all’interno del panorama airsoft. Per chi non la conoscesse BCM è partita come una minuscola realtà nel garage di un Marines veterano della guerra in Iraq.

419ebe1e0eb0cdf9d563b8d68110ac98

Fondata per supportare le esigenze dei professionisti della sicurezza privata che lavoravano in teatri difficili in cui i componenti durevoli con specifiche mil-spec per i sistemi d’arma non erano disponibili, BCM inizio a realizzare armi di livello professionale prodotte, rinforzate e testate per soddisfare le esigenze di soldati e forze dell’ordine. Oggi l’azienda è cresciuta e serve unità militari statunitensi per le operazioni speciali, il Dipartimento per la sicurezza interna e diverse agenzie governative sia nazionali che internazionali.

BCM-Combat-Rail-Systems-6

Vega Force Company dopo averne acquisito la licenza si è messa sotto e il primo prodotto della nuova serie BCM AIR è quello che andremo a vedere ora nel dettaglio : il BCM MCMR 11,5″ AEG.

252805420_10216973491130014_1487958708262644692_n

Come di consueto perlomeno quando si parla di estetica VFC è impareggiabile, l’elevata cura del dettaglio e dell’assemblaggio è sempre ai massimi livelli e non ha sicuramente rivali in questo frangente di mercato.

254085421_10216973491570025_7953456900127183024_n

253839763_10216973493850082_6187808950160047809_n

Il receiver replica fedelmente la controparte originale: sul lato sinistro troviamo i loghi e le diciture incise mentre sul lato destro è presente la serigrafata al laser con i loghi dell’azienda statunitense.

252732416_10216973493490073_2816044690978471861_n

253999057_10216973495610126_4292644971775945096_n

La trigger guard è una BCM maggiorata in polimero.

252720937_10216973493010061_5084209705978897610_n

La pistol grip è una BCM Gunfighter MOD.3 in polimero, la particolare texture sul corpo grip permette una presa efficente anche in condizioni difficili.

253761925_10216973495130114_7822320920984022514_n

Particolare di questa grip è la possibilità di estrarre il motore senza l’utilizzo di particolari attrezzi, basta infatti premere i due pulsanti alla base della grip perchè questa si abbassi e ci consenta di estrarre facilmente sia il supporto che il motore stesso.

252940652_10216973503170315_16069190313009402_n

L’asta d’armamento è una replica della BCM Gunfighter Ambidextrous Charging Handle Mod 4X4.

253795485_10216973492610051_5493440040112739586_n

Alla base del buffer troviamo uno Steel BCM GUNFIGHTER QD End Plate con attacco quick detach integrato.

253368698_10216973494330094_9160673344053047710_n

La calciatura è una replica del BCM Gunfighter Stock MOD.1 con lo spazio dei compartimenti interni aumentati per poter alloggiare la batterie lipo necessarie al funzionamento della ASG. Su entrambi i lati è presente un doppio sistema di aggancio per le cinghie, troviamo infatti sia le asole per i QD sling mount che il passante per i loop della cinghia.

253252958_10216973494730104_3567418539047672642_n

253149311_10216973490650002_2360640083548585822_n

Il rail floattante in alluminio CNC è la copia esatta del BCM MCMR handguard 10″ con standard M-LOK. Da segnalare come sull’originale l’assenza delle tacche di mira metalliche, mentre nella dotazione di serie troviamo degli handguard cover in gomma logati BCM.

253775199_10216973490249992_8462591465128502991_n

L’outer barrel è in alluminio ed è lunga 11,5″ e fa coppia con un compensatore in acciaio BCM Mod.0 5.56

252856644_10216973492010036_6317570520680782672_n

Il caricatore stanag fornito in dotazione è un comune VFC mid-cap da 120 bb, a differenza della versione GBBR non sono presenti i loghi BCM sul corpo del caricatore.

MECCANICA

Il BCM MCMR è equipaggiato con la meccanica Avalon Premium per capirci la stessa presente sulla serie Samurai Edge (con alcune piccole differenze che vedremo più avanti) e questa non può essere che una buona notizia.

Troviamo quindi un gear box V.2.2 con boccole da 8mm su cuscinetti.

253220158_10216973500610251_4865886809197174967_n

La terna ingranaggi è la comune VFC con rapporto 16.1 (da segnalare uno spessoramento fatto con la dovizia del caso).

252580070_10216973499330219_6621977521068754300_n

Il pistone è della nuova serie in polimero con cremagliera a 14 denti (di cui 7 in acciaio)

253199412_10216973499770230_8420316732660490823_n

La testa pistone è la solita in alluminio da ormai 10 anni a questa parte, stesso discorso anche per il resto del gruppo aria (nozzle, tapper plate e cilindro). Nel caso specifico di questo esemplare durante i test iniziali ho rilevato un alta discrepanza tra le misurazioni al crono (con conseguente precisione a puttane), il motivo era l’oring interno al nozzle che non faceva alcun tipo di tenuta. Sostituito il gruppo aria è tornato a lavorare con l’efficenza dovuta.

HH

La molla è una M90 come di consueto troncata alla buona.

253381960_10216973501130264_4938087940015391100_n

La prima grossa novità della meccanica è l’adozione finalmente di un nuovo guida molla a sgancio rapido monocorpo interamente in acciaio. Finalmente VFC ha capito che il guida molla in due pezzi con base in zama delle vecchie serie era una pigna al culo. Statisticamente infatti sorpassati i 30.000 pallini le alette di aggancio del guidamolla si crepavano\spezzavano obbligandoci a sostituirlo cosa che ora non sarà piu necessaria.

253334696_10216973502290293_6626988023737982267_n

252713173_10216973501610276_5047093732506684334_n

Essendo una meccanica Avalon premium al posto del classico gruppo lamellare troviamo il sistema DFCS (Digital Fire Control System), trattasi di un unità di controllo ottico-elettronico che impiega due sensori ottici per rilevare la posizione del settoriale e gestire il ciclo di fuoco (sulla falsariga del noto TITAN di Gate).

253322261_10216973497650177_5807397760986490163_n

Il DFCS dispone di alcune basiche funzioni

  • 3rd burst programmabile (raffica controllata a 3 colpi)
  • riconoscimento del tipo di batteria impiegata
  • pre-cocking
  • piston reset.
  • low voltage alarm

253288662_10216973497130164_9195253886178125997_n

Il gruppo hop-up è il classico V2 rotativo VFC che fa coppia con una canna in ottone da 6,15 mm e un gommino Maple Leaf Macaron da (rullo di tamburi) 50° gradi. Senza dubbio è la prima volta che viene montato un gommino idoneo alle nostri limiti di potenza e che questo non può essere che un bene, il lato negativo è che per qualche inspiegabile motivo solo il mercato USA ha potuto godere delle canne di precisione Avalon (maple leaf) mentre a tutti gli altri sono toccate quelle comuni in ottone.

252856108_10216973496530149_8923369391605361525_n

252716145_10216973496090138_3366056127468618352_n

A bordo del BCM troviamo il VFC high torque Cyclone da 35K che è senza dubbio motore un buon motore. Certo non lo si può comparare ai migliori esponenti di categoria ma è sicuramente 2 spanne sopra al comune VFC high speed che si trova su buona parte delle repliche Vega. Alimentato con 11,1 gode di una buona reattività (superiore alla quasi totalità dei motori che troviamo sulle repliche stock), di contro è un pò assetato di corrente  ma non si può avere tutto della vita.

252981351_10216973502690303_5314042107821832901_n

SHOOT TEST

  • caricatore VFC STANAG mid-cap 120 bb.
  • pallini Airsoft Surgeon 0,30.
  • batteria LIPO 11,1 Turnigy  1200 mha 15c.
  • distanza dal bersaglio 30 metri , outdoor.

SEMI-AUTO 10 shoot

shooting-range-human-target-gun-firing-shaped-like-blank-no-bullet-holes-isolated-white-background-clipping-path-38482196

FULL-AUTO 30 shoot

33

CONCLUSIONI

A parer mio il BCM MCMR è una delle più belle repliche prodotte fino a oggi da VFC parlando di repliche su base AR15. Niente da togliere ai vari CQBR Block 2 e derivati o alla famiglia degli SR16 (in particolare gli ultimi SR16E3 GBBR) ma con questa serie Vega si è superata per la fedeltà al modello originale curandone tutti i particolari. Sul suo store sono inoltre disponibili anche tutta una serie di accessori su licenza che ci permettono  di replicare al 100% l’apprezzato M4 dell’azienda statunitense e questo per chi apprezza il dettaglio è un valore aggiunto non da poco.

dd

Vi assicuro che la versione GBBR se appesa a un muro di fianco alla controparte in 5,56 è praticamente indistinguibile (non che la versione AEG sia fatta male ma un occhio attento si accorgerebbe immediatamente delle quote diverse della pistol grip e del receiver che dovendo contenere la meccanica sono leggermente più larghi della versione real steel).

252749599_10216973506290393_7307624232479867610_n

Per quel che concerne la meccanica vale lo stesso discorso fatto a suo tempo per il Samurai Edge, rispetto alle meccanica standard quella Avalon Premium è sicuramente un passo avanti grazie alla miglior balistica fornita dal più perfomante gruppo canna\gommino (certo se come per il Samurai avessero mantenuto la canna maple leaf non ci avrebbe fatto schifo) e a una più pronta risposta della replica per via del motore più grintoso. Lascia sempre interdetti il fatto di trovarci molle tagliate con la trancia visto i soldi che si pagano ma per lo meno in questo caso la molla ha un comportamento decente rispetto a quelle presenti sulla serie dei SIG MCX che oltre e assere parimerito troncate erano pure di qualità scadente.

253253335_10216973505050362_1022978037284959664_n

Un discorso a parte merita il sistema ottico DFCS : partiamo dal presupposto che si tratta di un elettronica base  non sicuramente paragonabile ai modelli aftermarket che tutti conosciamo (Titan, ASCU, Perun, Leviathan) e come le sue dirette concorrenti (G&G ETU\ Ares e company) è sempre un pò un terno al lotto. C’è chi le utilizza per X tempo senza grossi problemi e chi ha un cazzo dietro all’altro fin da subito con ovviamente i primi che ne parlano bene e i secondi che le maledicono. Solitamente i principali problemi riscontati non riguardano mai il funzionamento vero e proprio ma l’affidabilità di alcune funzioni che non sempre rispondo come dovrebbero. Il mio parere è che si tratta di ottiche cinesi e vanno prese per quelle che sono, fondamentalmente inutile aspettarsi i miracoli, finchè vanno bene si lasciano quando “muoiono” si danno al maiale e si passa a sistemi di controllo di qualità piu elevata (possibilmente made in EU).

253191108_10216973504330344_5838007970112874919_n

Sul lato balistico non c’è da lamentarsi considerando che parliamo di una replica stock con prestazioni sopra la media sopratutto se paragonato ad altre repliche di questa azienda (come ad esempio l’MCX Virtus o i vari MK18 MOD.0\1) questo sicuramente dovuto alle migliori prestazioni del gommino Macaron Maple Leaf rispetto al classico VFC di serie. Essendo un sistema flat hop evitate di utilizzare pallini troppo leggeri se volete spremere al meglio la replica (tradottto niente 0,20\0,23) ma non eccedete comunque col peso (il range ideale va dallo 0,25 allo 0,30).

Il pippone è finito, alla prossima.